Amy Macdonald und Stutttgart, Bayern München und Juventus Turin

Sicher schon fertig in Stuttgart fürs Konzert von Amy Macdonald im LKA Lonhorn. Und morgen und übermorgen ist sie in…

Unten ein Fußballspiel in einer von dieser zwei Städten.

Meine Seiten auf I Like, Bebo, Friendfeed, Twitter und Facebook.

Musik. Eine Playlist von mir mit »Hamma« von Culcha Candela.

Berlin. Das Berliner Web Hit Radio, Top 100 Station.

30.09.09 – Sport. Fußball und UEFA Champions League mit Sat1 um 20.15 Uhr. FC Bayern München gegen Juventus Turin… Wer wird gewinnen? Die Deutsche oder die Italiener aus Piedmont?

Opera, ein europäischer Browser, und Mozilla, Linux und Apple

Cocoba Nuss-Nougatcreme, Equita Schokoaufstrich, Cocoba Crème Nuss-Nougat-Brotaufstrich, Coop Max Havelaar Haselnuss-Brotaufstrich

30. September 2009

verändert am 20. April 2010

calogeromira.wordpress.come-mail

Vielleicht Watt/Stunden speichern

L’Italia, la Germania e la benzina. il Carnevale di Termini e Colonia e la musica di Heidelberg

L’Italia, il Carnevale di Termini Imerese ed il turismo.

Heidelberg e Colonia. La Germania ed i viaggi: il festival Primavera di Heidelberg (concerti di musica colta) ed il Carnevale di Colonia.

06.07.09 – Sciopero dei benzinai in Sicilia ed Italia. Come avete rimediato? Scorta all’ultimo momento visto che la situazione sembrava tranquilla, ma ho sentito di code delle ultime ore nelle zone di Ribera e Agrigento? Sicuramente, niente benzina in Sicilia martedì 7 ed in Italia mercoledì 8 e giovedì 9 luglio.

Ebbene sì, tutto ciò per la protesta di Faib Confesercenti, Fenica Cisl e Figisc Anisa Confcommercio, le cui sigle significano Federazione autonoma italiana benzinai, forse Federazione nazionale italiana carburanti e sicuramente Federazione italiana gestori impianti stradali carburante.

Secondo le due confederazioni ed il sindacato, sarebbero diminuite le possibilità di guadagno per i commercianti e gli esercenti a causa di sconti, campagne promozionali e carte aziendali. Mah, francamente, credo che questo apetto sia abbastanza tecnico e dovrebbe essere motivato per interessare l’opinione pubblica.

A parere delle stesse parti, ci sarebbe, inoltre, «concorrenza sleale, che le aziende praticano ai danni delle gestioni dirette offrendo carburanti alle pompe bianche ed ai supermercati con sconti 5 volte superiore al margine del gestore». In questo caso, un utente potrebbe verificare la situazione confrontando i prezzi, ma, quanto a tutto ciò che non concerne il punto vendita, anche in questo caso varrebbe molto l’argomentazione.

Infine, le confederazioni ed il sindacato dei venditori criticano le condizioni commerciali, aspetto che necessita di un approfondimento (quali sono queste condizioni commerciali?).

Quanto al governo, le critiche riguardano gli impegni «mai rispettati» in primo luogo sul cosiddetto bonus fiscale non più annuale ed, anche in questo caso, maggiori particolari sulle critiche sarebbero ottimi per comprendere; in secondo luogo sulla sicurezza dei punti vendita, l’ammodernamento della rete e le nuove attività che non riguardano il petrolio (cosa non va?); in terzo luogo, infine, sulle tasse delle Camere di commercio e sull’inserimento della categoria nella lista dei lavori usuranti (ci si dovrebbe chiedere: chi sta alla pompa di benzina svolge un lavoro usurante e quali sono i lavori usuranti?).

In Sicilia, comunque, sappiatelo, ci sarà un incontro sul tema delle tre confederazioni alla Camera di commercio di Palermo (via Emerico Amari 11), alle 10.30.

06.08.08 – In Germania c’era… «In forte calo i prezzi alle stazioni di rifornimento». Almeno quelli dell’olio – che è ora valutato sotto i 120 dollari – dai benzinai tedeschi, come informa la Frankfurter Allgemeine Zeitung intorno al 6 agosto 2008. «Martedì – scrive il quotidiano tedesco – il prezzo dell’olio è fortemente precipitato sul mercato delle materie prime» anche se – aggiunge la Faz – l’olio costa pur sempre quasi il doppio rispetto ad un anno fa.


… (e c’è?) «petrolio meno caro alle stazioni di rifornimento». Ottimistiche le previsioni: secondo un ente tedesco, l’Adac, dovrebbero calare ulteriormente i prezzi di questa materia e delle materie prime. Il prezzo dell’olio – ha aggiunto un’analista – potrebbe crollare intorno ai 100 dollari. Secondo la Commerzbank, istituto di credito tedesco, è probabile nei prossimi giorni una diminuzione del prezzo sotto il valore dei 120 dollari.

Un browser europeoOpera – e Mozilla o i sistemi operativi di Linux ed Apple. Neomedia.it

6 agosto ‘08  aggiornato 12 febbraio ‘10

calogeromira.wordpress.come-mail

Risparmio energetico (forse)?

Published in: on febbraio 12, 2010 at 9:05 pm  Lascia un commento  
Tags: , , , , , , , , ,
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: