Fatti tragici

Poveretta… Sarebbe morta a San Leone, l’anziana Marianna Carere di 71 anni. Davvero una tragica fine in un momento di svago, a quanto pare, mentre faceva il bagno.

– – –

Condoglianze alle famiglie di Maria Volomino, deceduta dopo un’altra esplosione in via  Manzoni , ad Agrigento, e di Raffaella Cottone  a Realmonte.

– – –

Condoglianze alla famiglia di Maurilio Argento, il ragazzo di 23 anni deceduto mercoledì pomeriggio, 22 luglio, vicino ad un rifornimento carburanti di Racalmuto lungo la strada statale 640 Agrigento-Caltanissetta. L’ennesima morte sulle strade – sia scritto davvero senza alcuna retorica – seguita dai funerali nella chiesa della Sacra famiglia a Canicattì, la città del giovane.

Intanto, lo avrete letto nei quotidiani o sentito in tv, sono stati sequestrati i mezzi e l’ipotesi di reato è quella di «omicidio colposo» nei confronti di Francesca Cimino, la donna che guidava uno dei mezzi coinvolti nell’incidente.

Condoglianze anche alla famiglia di Daniele Puccio, il ragazzo di diciassette anni di Menfi deceduto intorno alle cinque del mattino di domenica 19 luglio vicino all’ex strada statale 115 Porto Palo-Menfi. Tutto ciò è quanto si è appreso dai mezzi di comunicazione insieme ad altri particolari.

– – –

Un morto ieri, lunedì 13 luglio, sulla ss 115 lungo il tratto fra Ribera e Sciacca. Sulla strada statale ha perso la vita, all’altezza del viadotto San Giorgio, Vincenzo Buzzotta di 31 anni, pescatore saccense. Questo, almeno, quanto si è potuto leggere sui siti ed altrove.

– – –

Una notizia negativa. Il cadavere di un siculianese, Amedeo Tolentino di 37 anni, come si apprende da un mezzo di comunicazione,  è stato trovato carbonizzato a Sciacca, in via Marco Polo.

– – –

Purtroppo, come si può leggere nei siti stamattina (giovedì 2 luglio) è stato trovato il cadavere di un uomo – Gerlando Barbello di 60 anni – in via delle Torri, vicino a piazza Marconi, ad Agrigento. L’uomo si è suicidato – si è, quindi, saputo.

Viareggio. Aumentate, purtroppo, le vittime di Viareggio salite a 26.

– – –

Dai fatti tragici accaduti nelle scorse settimane in  Sicilia alla Toscana, Viareggio. Un treno con vagoni carichi di gas è esploso alla locale stazione ed i morti sono diciotto. Tremendo. Fra loro anche un emigrato di Pozzallo (provincia di Ragusa), come si è letto nei siti e nei giornali o sentito nei telegiornali, Rosario Campo di 42 anni.

– – –

Lo hanno detto e scritto alcuni mezzi. Purtroppo si continua a morire lungo le strade locali. L’ultimo morto, a quanto pare, vicino a Montallegro, nella galleria Garebici. L’uomo, un anziano, Arturo Tarcisio Capelli, percorreva il tratto di strada in bici.

– – –

Fine settimana tremendo in provincia di Agrigento. La morte di una ragazza, Giuseppina Margiotta di Mazara, in un incidente avvenuto vicino a Siculiana ed il fermo e poi l’arresto del macellaio favarese di 19 anni, Rosario Stuto, presunto autore dell’uccisione del giovane imprenditore di Serradifalco – Luigi Salvo di 34 anni – che era scomparso a Favara. Poi è stato trovato il cadavere di Salvo in contrada Caltafarace, vicino a Favara, e c’è stato anche un secondo indiziato, Michele Bongiorno, favarese di 19 anni. Notizie che ci invitano al cordoglio.

Sulla Fiat Punto rossa di proprietà di Stuto – come si è letto sui siti o sui giornali  o sentito in tv (mi sto basando su quei particolari) – erano state trovate tracce di sangue del commerciante della provincia di Caltanissetta. Le accuse contro Stuto sono quelle di sequestro di persona, omicidio ed occultamento di cadavere. Salvo si trovava in provincia di Agrigento insieme alla moglie.

Una parentesi sul gip. Per scrivervi di questa vicenda, ho letto alcuni articoli in cui si faceva riferimento al gip Alberto Davico del Tribunale di Agrigento. Il giudice per le indagini preliminari ha convalidato – sempre secondo quanto si è letto – il fermo e l’ordinanza di custodia cautelare in carcere di Stuto.

Ho ripreso in mano, quindi, un manuale, in cui si legge che il gip convalida il fermo – come in questo caso – e l’arresto in flagranza operati dal pubblico ministero e dalla polizia giudiziaria. Su richiesta del pubblico ministero, questo giudice può decidere la custodia in carcere (e mi sembra proprio questo ciò che ha deciso il giudice del Tribunale agrigentino), il divieto di espatrio o di dimora, l’obbligo di dimora, l’arresto domiciliare, ma anche la sospensione dall’esercizio della potestà del genitore e dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio oppure il divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriali o professionali.

Fra le sue funzioni anche quella di autorizzare la proroga delle indagini – le quali non dovrebbero superare i sei mesi, ma possono essere prorogate anche fino a 18 mesi o, in casi particolari, fino a due anni.

Il gip si occupa, inoltre, di formazione della prova durante le indagini preliminari – il cosiddetto incidente probatorio – e di fissare la cosiddetta udienza preliminare;  è, inoltre, una figura prevista dall’articolo 328 del codice di procedura penale – spero forse di trovarvi prossimamente il riferimento – in sostituzione del giudice istruttore e assume una funzione di garanzia nei confronti del cittadino nonché assicura il contraddittorio con un ruolo di controllo svolto nei confronti dell’accusa.

– – –

Un’aggiunta – questa volta non tragica – prima di farvi leggere quello che avevo scritto precedentemente. Mimmo Pontillo suonerà sabato 27 giugno all’Espressamente Illy di Porta di ponte, ad Agrigento, alle 22. Con lui gli altri componenti del Quintetto Mosaico: Rino Boccadoro, Flavio Gucciardino, Salvatore Sciacca e Graziano Mossuto.

– – –

Il pensiero va soprattutto alla donna incinta, Nazarena Piro, detta Morena, al bimbo ed all’anziano originario di Palermo e residente a Roccapalumba,  Luigi Avellone di 85 anni, ma anche a quel viadotto Morandi su cui si potevano trovare in quei momenti numerosissimi agrigentini vista la probabilità di dover percorrere quella strada. E poi, a mio parere, la responsabilità non dovrebbe essere addossata in maniera “pesante” sull’anziano, come si potrebbe anche sostenere.

Più città, inoltre, sono state particolarmente scosse dal tragico evento – Agrigento (e soprattutto il suo quartiere Monserrato ed il circolo didattico «Esseneto»), Roccapalumba, Cammarata e San Giovanni Gemini – ed io ho provato a “confrontare” i vari articoli, servizi, eccetera, per verificare i particolari (operazione che si può fare soltanto almeno un giorno dopo). Ecco quanto è risultato, magari sintetizzando un po’.

Lo scontro è avvenuto sul viadotto «Akragas» in direzione Agrigento. L’anziano aveva 85 anni, guidava una Fiat Punto e, a quanto pare, voleva vendere alcuni terreni racalmutesi forse ad un empedoclino; la donna era nata a Cammarata e guidava una Mercedes classe A sulla quale c’era anche il figlio di sei anni, poi morto nel tardo pomeriggio all’ospedale Cannizzaro di Catania. Deceduto anche il figlio che la donna portava in grembo in una gravidanza ancora giunta soltanto ad alcuni mesi. L’anziano signore – morto sul colpo così come la donna – stava viaggiando contromano e gli altri automobilisti gli avrebbero segnalato il fatto con clacson e luci. Dalle foto scattate che ho visto si nota, inoltre, la presenza di personale o auto dei Vigili del fuoco, dei Carabinieri e della Croce rossa.

Sicuramente molti di noi rivolgono, peraltro, le più sentite condoglianze “virtuali” (o anche reali) al marito ed alle famiglie dei deceduti, anche se non li conoscono e fra loro al musicista agrigentino Mimmo Pontillo.

La città di Agrigento. Come è stato riferito da tutti i mezzi di comunicazione, sul viadotto viaggiava proprio in quei momenti il sindaco di Agrigento, Marco Zambuto. Ed il Consiglio comunale di Agrigento ha ricordato le vittime dell’incidente con un minuto di silenzio ad inizio seduta. Scritto tutto ciò, eccovi due altri fatti di cronaca, uno accaduto nella cittadina di Montallegro alcune settimane fa ed uno nel capoluogo regionale siciliano.

Montallegro. Giorni di un incidente stradale e di fiamme su una nave. Davvero un lutto per la città di Montallegro e la provincia di Agrigento. La morte giorni fa di Angelo Camillo forse sarà dimenticata da qualcuno (o forse no), ma rimarrà il ricordo per i conoscenti e gli amici, come capita a tutti noi quando accade un evento tragico.

Secondo quel che ho letto oppure ho sentito, il giovane manovale montallegrese, morto dopo un incidente nella locale via Roma nel tardo pomeriggio dello scorso mercoledì 27 maggio, sarebbe deceduto durante il trasporto verso il pronto soccorso (non mi è chiaro dai testi e servizi se dell’ospedale «Fratelli Parlapiano» di Ribera, come più probabilmente è accaduto, o dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento).

Lo scontro sarebbe avvenuto fra la moto del giovane (non ho capito se di 25 o, più probabilmente, di 27 anni) – una Honda 600 – ed un auto e Camillo non sarebbe morto sul colpo, ma sarebbe rimasto in uno stato di semi-incoscienza fino all’arrivo dell’ambulanza. Poi, un giorno dopo, il funerale alla chiesa dell’Immacolata di Montallegro e, quindi, il trasferimento al cimitero montallegrese.

Il capoluogo. A Palermo soltanto molta paura, invece, per l’incendio sulla nave Florio – secondo quanto si apprende dai mezzi di comunicazione – sulla quale l’allarme era scattato intorno alle 3.20 di notte del 29 maggio a circa quaranta miglia dal capoluogo regionale siciliano. Sulla nave partita da Napoli – si è letto e sentito in questi giorni – c’erano circa 400-500 persone e non ci sarebbero feriti. Certamente è una vicenda che richiederà un buon lavoro (e molto attento) sia da parte della Procura di Palermo, impegnata con un’inchiesta penale, sia del ministero dei Trasporti, impegnato con un’inchiesta amministrativa. Quanto alla Procura di Palermo, questa – secondo quanto rendono noto i media – ha aperto un’indagine a carico di ignoti con l’ipotesi di incendio colposo e coordinatore dell’inchiesta è il pubblico ministero Fernando Asaro. Sulla nave – abbiamo potuto leggere da siti e giornali o sentire in tv e radio – c’era anche il comico Sergio Friscia.

Per Marco Maiorana. Dai fatti tragici al ricordo di un fatto tragico. Rossella Accardo – che ho visto in una redazione di una tv palermitana, madre di Marco Maiorana – ha organizzato per la sera di giovedì 25 giugno una festa in piazza Politeama a Palermo. Appuntamento dalle 20.30.

Un browser europeoOpera – e Mozilla o i sistemi operativi di Linux ed Apple. Neomedia.it

30 maggio 2009 – aggiornato 20 agosto ‘09

calogeromira.wordpress.com e-mail

Risparmio energetico (forse)?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: